Autore Topic: Come creare una fattura  (Letto 5128 volte)

tutor

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 84
Come creare una fattura
« il: Dicembre 02, 2011, 09:09:48 pm »
All'avvio del programma, la sua finestra principale si presenta come segue:


Essa contiene già tutti i dati dell'ultima fattura emessa; questo semplifica il lavoro perché, nel caso in cui la nuova fattura da emettere sia molto simile all'ultima, si troverà quasi tutto scritto e basterà modificare solo il necessario, come la data di emissione, il numero del documento e pochi altri elementi.
Torna molto utile e di facile accesso, inoltre, l'archivio dei clienti che tiene in memoria i loro dati e, nel caso si debba emettere una fattura ad un cliente già presente in archivio, sarà sufficiente selezionarlo, senza riscrivere tutti i suoi dati.

Se, invece, si desidera creare una nuova fattura completamente diversa dall'ultima emessa, basterà fare clic sul pulsante <Nuovo doc.> che incrementerà di uno il numero del documento, imposterà la data del documento alla data odierna,  svuoterà tutte le righe del corpo della fattura e, infine, aprirà la finestra per selezionare il cliente a cui emettere la fattura, come mostrato di seguito.


Se il cliente non è ancora presente in archivio, basterà chiudere la finestra di ricerca cliente ed aggiungerne uno nuovo, come descritto nella sezione "Come aggiungere o modificare un cliente".

Con Fattura Libera è possibile indicare nelle fatture, tramite le apposite caselle di testo, il tipo di pagamento, la banca d'appoggio e la formula CONAI; ovviemente, chi non utilizza queste indicazioni potrà lasciare le righe vuote.
Inoltre, il programma consente scegliere se gli importi inseriti in fattura sono già comprensivi di I.V.A. o meno.

Come si vede nella figura che riguarda la finestra principale del programma, sotto i dati del cliente e sotto la tabella delle righe che compongono la fattura è presente una barra degli strumenti, con diverse icone, come quella mostrata di seguito:



Le prime quattro icone permettono di scorrere l'elemento attuale (un cliente o una riga) all'interno della tabella.
Il pulsante rappresentato dal foglietto bianco serve per l'inserimento di un nuovo elemento.
La matita modifica l'elemento attuale e l'icona con la "X" lo elimina.
A questi ne seguono altri che cambiano a seconda che la barra sia relativa al cliente o alle righe della fattura. Per esempio, nel riquadro relativo al cliente sono presenti: il pulsante per la ricerca di dati, quello che salva i dati in formato Testo/MS-Access/Excel e infine il tasto che fornisce la stampa dell'elenco di tutti i clienti. Di seguito si veda la sezione del cliente con la relativa barra degli strumenti:


Quando si inserisce un nuovo cliente (icona con il foglietto bianco) oppure se ne modifica uno esistente (icona con la matita), alla fine delle operazioni viene chiesta la conferma di quanto inserito, visualizzando la seguente schermata:



Nella barra degli strumenti presente sotto le righe della fattura, invece, dopo le icone standard descritte prima, seguono due icone a forma di freccia (verso l'alto e verso il basso) che permettono di spostare la riga attuale nella direzine indicata. L' icona a forma di tabella modifica il testo suggerito per le descrizioni (testo che è possibile selezionare direttamente da ciascuna riga della fattura, durante il suo inserimento, tramite la freccetta verso il basso, come è mostrato nella finestra principale del programma).

La sezione centrale è dedicata alle righe che costituiscono il corpo della fattura e che servono a descrivere i prodotti e servizi che stiamo fatturando, il loro costo, etc. Infatti, ogni riga presenta la Descrizione, l' Unità di Misura (U. M.), la Quantità, il Prezzo, la Percentuale di Sconto (% Sc.) e l'Importo.
Come accennato prima, a destra della casella per la Descrizione si trova una freccetta. Cliccandoci si aprirà un elenco di righe predefinite, che risulterà particolarmente comodo se nelle fatture inseriamo sempre gli stessi servizi o prodotti.
Quando si emette una fattura, può capitare che, per descrivere il prodotto o servizio, siano necessarie diverse righe; con Fattura Libera è sufficiente scrivere direttamente nelle varie righe della Descrizione, senza indicare il prezzo, la quantità, etc.

Nelle righe normali, invece, verrà inserita la descrizione, l'unità di misura, la quantità, il prezzo unitario e l'eventuale sconto; il programma calcolerà l'importo della riga ed aggiornerà il totale imponibile, l'I.V.A. ed il totale da pagare.

Il totale dell'I.V.A. viene calcolato in automatico considerando l'aliquota inserita nella casella Aliquota I.V.A. ed il segno di spunta della voce I prezzi includono l'I.V.A..

Con Fattura Libera è possibile indicare anche delle voci esenti I.V.A., inserendone la descrizione nella casella Testo esente I.V.A. ed il relativo importo nella casella Importo esente I.V.A..
E' anche consentita l'emissione di fatture con ritenuta d'acconto. Basta inserire l'aliquota della ritenuta da applicare nella casella Rit. acc. %. In alcune situazioni è richiesto che la ritenuta d'acconto non venga calcolata sull'intero imponibile ma solo sul 50% di esso; in questo caso basta fare clic sulla freccetta nera presente a sinistra della voce Rit. acc. % e, dal menù che si aprirà, selezionare la voce Ritenuta d'acconto sul 50% dell'imponibile.

Infine, per visualizzare l'anteprima di stampa della fattura è sufficiente fare clic sul pulsante <Anteprima>, dalla finestra di anteprima è possibile stampare direttamente il documento oppure salvarlo in una cartella, per archiviarlo o magari inviarlo successivamente tramite posta elettronica.
« Ultima modifica: Dicembre 28, 2011, 10:36:49 am da tutor »